Autore: Felice Massaro

trit_DeOfficiis_I_339_80

117. Tutte queste considerazioni convien fare, quando si cerca che cosa è il decoro. E innanzi tutto è necessario stabilire bene chi e quali vogliamo essere, e quale istituto di vita abbracciare: determinazione difficilissima oltre ogni dire. Perché, appena giovane, quando la forza della ragione...

trit_DeOfficiis_I_338_137

116. I più prendono quella carriera, nella quale il padre o i loro genitori si segnalarono, e si studiano di farvisi onore anch’essi, come fece Q. Mucio, figliuolo di Publio, nella scienza delle leggi, e Scipione Affocano, figliuolo di Paolo Emilio, nell’arte della guerra. Vi...

trit_DeOfficiis_I_337_105

115. A quelle due, sulle quali mi sono già soffermato, se ne aggiunge una terza, che il caso o le circostanze ci assegnano; ed anche una quarta, che noi stessi liberamente ci eleggiamo. Perchè il regno, il comando, le notabilità, le ricchezze, la potenza, come...

trit_DeOfficiis_I_336_178

114.  Ciascuno, dunque, ben conosca la propria indole e sia giudice attento e oculato delle proprie virtù e dei propri difetti, perché non sembri che gli attori siano più prudenti di noi. Gli attori, infatti,non scelgono i drammi migliori bensì quelli più adatti alle loro...

trit_DeOfficiis_I_335_123

113. Quante cose non sopportò Ulisse in quel suo lungo girovagare per i mari, fino a ridursi a servire le donne, se donne possono chiamarsi Circe e Calipso, ingegnandosi in ogni suo discorso a mostrarsi cortese con chiunque. Nella sua stessa casa, poi, sopportò perfino...

trit_DeOfficiis_I_334_111

112. E questa diversità d’indole è di tale conseguenza che, per essa, talora, uno deve darsi la morte e un altro, nella sua stessa condizione, non deve. La condizione di Catone fu, forse, diversa da quella di coloro che in Africa si arresero a Cesare?...

trit_DeOfficiis_I_333_77

111. Ma se vi è qualcosa di decente, nessuna può esser certamente più della coerenza, di tutta la vita o di ogni singola azione; e questa non si potrebbe avere abbandonando la propria natura per mettersi ad imitare l’altrui. Come noi dobbiamo usare quella lingua...

trit_DeOfficiis_I_332_102

110. Ognuno, quindi, deve tenere le qualità intrinseche, purchè non viziose, se vuol conservare nella vita quel decoro proprio del termine. E bisogna comportarsi non agendo minimamente contro la generale natura dell’uomo, anzi, rispettandola al massimo, dobbiamo seguir la nostra personale, in modo che, anche...

trit_DeOfficiis_I_331_175

109. Poi ve ne sono, da questi molto diversi, d’animo schietto ed aperto, aborrenti dai sotterfugi e dagli agguati, amici della verità, nemici della frode: ed altri, i quali sosterrebbero qualunque travaglio, servirebbero a chiunque, pur di giungere al proprio intento, come vedevamo fare a...

trit_DeOfficiis_I_330_182

108. Molta grazia era in L. Crasso e in L. Filippo; maggiore, e in gran parte cercata, in L. Cesare di Lucio. Al contrario, nei loro contemporanei M. Scaltro e M. Druso, sebben giovane, singolare gravità; molta festevolezza in C. Lelio; nel suo amico Scip...