trit_DeOfficiis_I_337_105

115. A quelle due, sulle quali mi sono già soffermato, se ne aggiunge una terza, che il caso o le circostanze ci assegnano; ed anche una quarta, che noi stessi liberamente ci eleggiamo. Perchè il regno, il comando, le notabilità, le ricchezze, la potenza, come anche i loro contrari, sono in balia del caso e dipendono dalle circostanze; ma quella parte che noi stessi vogliamo gestire nella vita, procede dalla nostra volontà. Per questo alcuni si dedicano alla filosofia, altri al diritto civile, altri all’eloquenza e anche alle virtù morali, sulle quali c’è chi preferisce eccellere in una e chi in un’altra.