trit_DeOfficiis_I_212_53

Bisogna perciò evitare queste contraddizioni, e rifuggire anche dall’avidità del denaro: non c’è cosa che dimostri grettezza e bassezza d’animo quanto l’amor delle ricchezze; al contrario, nulla è più onesto e più nobile del disprezzo verso il denaro, se non lo possiedi; se lo possiedi, impiegarlo in una benefica elagizione.