trit_DeBelloGallico_I150_72

Regolandosi così, Ariovisto si sarebbe garantito per sempre il favore e l’amicizia del popolo romano. Cesare, invece, se non avesse ottenuto quanto chiedeva, non sarebbe rimasto indifferente alle offese inflitte agli Edui, perché sotto il consolato di M. Messala e M. Pisone il senato aveva stabilito che il governatore della Gallia transalpina doveva difendere gli Edui e gli altri amici del popolo romano, per quanto ciò rispondesse agli interessi di Roma.

Clic per vedere traduzione  trlat_DeBelloGallico_I150_48

Potrebbero interessarti anche...