trit_Iustitia356_137

Ingenuo è colui che, appena nato, è libero, sia ch’egli sia nato dal matrimonio di due ingenui (di due uomini liberi) o di due libertini, o di un libertino e di un ingenuo. Nondimeno nasce ingenuo anche chi nasce di madre libera e da padre servo, allo stesso modo di chi è nato da madre libera e da padre incerto, perché è spurio. Basta poi che la madre fosse stata libera in quel tempo in cui si nacque benché fosse serva quando concepì. Al contrario, se concepì libera e poi, fatta serva, partorì, piacque che il neonato fosse pure libero, perché non deve la calamità della madre nuocere a chi è nel ventre. Da ciò sorse la questione, se, manomessa una schiava pregnante, abbia poi partorito dopo essere ridiventata serva, la prole nasca libera o schiava.

Clic per vedere traduzione  trlat_Iustitia356_112

Potrebbero interessarti anche...