trit_Digestorum303_93

3. Quantunque sia Pretore, colui che esercita la giurisdizione altrui, pure non agisce per autorità propria, ma a vece di colui per mandato del quale giudica, ogni qual volta eserciti le funzioni di questi. Si può demandare la cognizione relativamente ai tutori sospetti, anzi è stabilito nelle seguenti parole che essa spetta anche quando è delegata la giurisdizione generale per l’utilità dei piccoli: “Gli Imperatori Severo ed Antonino a Bradua Proconsoli in Africa. Avendo tu data la tua propria giurisdizione ai tuoi Legati ne consegue che possono anche indagare sui tutori sospetti”.

Clic per vedere traduzione  trlat_Digestorum303_71

Potrebbero interessarti anche...