trit_DeOfficiis_I_326_41

Da ciò si comprende che il piacere dei sensi non è troppo degno dell’ uomo nobile e che, anzi, conviene disprezzarlo e respingerlo; se c’è però qualcuno che conceda qualche cosa al piacere, ponga ogni cura nell’usarne con sapiente moderazione.

RelatedPost