trit_DeOfficiis_I_321_55

E’ facile, dunque, distinguere lo scherzo nobile dal volgare.  L’uno è degno anche dell’uomo più austero, se è fatto a tempo debito, come, per esempio, quando lo spirito si allenta; l’altro non è neppure degno di un uomo libero, se all’indecenza dei pensieri si aggiunge l’oscenità delle parole.