trit_DeOfficiis_I_315_46

Basta osservare l’aspetto degli uomini adirati, o di quelli che sono sconvolti da qualche passione o da qualche timore, o di quelli che si esaltano per l’eccessiva gioia: tutto in loro si muta, il volto, la voce, l’andare, il modo di stare fermi.