trit_DeOfficiis_I_311_33

 Anzitutto bisogna fare in modo che gl’istinti obbediscano alla ragione: senza precederla né lasciarla da parte per pigrizia o per viltà, ma se ne stiano tranquilli, liberi e franchi da ogni turbamento.