trit_DeOfficiis_I_248_46

Insomma, quell’onestà, che con tanta cura andiamo cercando, risiede tutta nell’attività dello spirito e, principalmente, nel pensiero.  E, a questo riguardo, recano non minor vantaggio al bene comune coloro che, come magistrati, presiedono allo Stato, di coloro che, come capitani, attendono alla guerra.