trit_DeOfficiis_I_224_41

Ci sono alcuni che, in casi del tutto opposti, non eccellono per troppa coerenza: disprezzano con estrema energia  il piacere e nel dolore si abbattono; non si curano della gloria e si avvilisconono per l’infamia; e anche in tali contraddizioni  sono incoerenti.