trit_DeOfficiis_I_209_25

E appunto questa forza morale si riconosce – dicevo – per due contrassegni: giudicare buono solo ciò che è onesto e ì’esser liberi da ogni passione.