trit_DeOfficiis_I_144_51

Terza cautela da osservare è che, nella beneficenza, si faccia un’avveduta scelta dei meriti; bisogna, cioè, considerare bene il carattere della persona che si vuol beneficare, la disposizione dell’animo suo verso di noi, i rapporti sociali che tra noi intercedono e, infine, i servigi che essa ci ha resi.