trit_DeBelloGallico_IV487_98

Cesare non distava più di dodici miglia dal nemico, quando i membri dell’ambasceria ritornarono, secondo gli accordi. Gli si presentarono che era in marcia e lo pregavano, invano, di non avanzare ulteriormente. Gli chiedevano, allora, di dar ordine alla cavalleria, posta all’avanguardia, di non aprire le ostilità e gli domandavano il permesso di inviare un’ambasceria agli Ubi: se i capi e il senato degli Ubi avessero fornito garanzie mediante un giuramento solenne, si dichiaravano pronti ad accettare le condizioni proposte da Cesare; ma, per condurre a termine le operazioni necessarie, chiedevano tre giorni di tempo.

Clic per vedere traduzione  trlat_DeBelloGallico_IV487_77

Potrebbero interessarti anche...