trit_DeBelloGallico_II305_94

Nello stesso istante si levavano le grida e gli strepiti degli addetti alle salmerie: in preda al panico, si lanciarono dove capitava. Scossi da tale confusione, i cavalieri dei Treveri, che pure rispetto agli altri Galli godono di una fama di straordinario valore e che erano stati mandati dal loro popolo a Cesare come rinforzo, quando videro il campo romano pieno di nemici, le legioni pressate da vicino e quasi circondate, i caloni, i cavalieri, i frombolieri e i Numidi dispersi infuga disordinata, si diressero in patria, convinti che la nostra situazione fosse disperata.

Clic per vedere traduzione  trlat_DeBelloGallico_II305_65

Potrebbero interessarti anche...