trit_DeBelloGallico_I195_78

Ariovisto dedicò poche parole alle richieste di Cesare, ma molte ne spese per elencare i propri meriti: aveva passato il Reno non per volontà sua, ma su richiesta e invito dei Galli; non aveva certo lasciato la patria e i congiunti senza viva speranza di forti ricompense; in Gallia occupava sedi che gli erano state concesse; gli ostaggi gli erano stati consegnati spontaneamente; percepiva tributi che, secondo il diritto di guerra, i vincitori sono soliti imporre ai vinti.

Clic per vedere traduzione  trlat_DeBelloGallico_I195_53

Potrebbero interessarti anche...