trit_Confessiones_III149_122

Perciò mi proposi di rivolgere la mia attenzione alle Sacre Scritture, per vedere come fossero. Ed ecco cosa vedo: un oggetto oscuro ai superbi e non meno velato ai fanciulli , un ingresso basso, poi un andito sublime e avvolto di misteri. Io non ero capace di superare l’ingresso o piegare il collo ai suoi passi. Infatti i miei sentimenti, allorché le affrontai, non furono quali ora che parlo. Ebbi piuttosto l’impressione di un’opera indegna del paragone con la maestà tulliana. Il mio gonfio orgoglio aborriva la sua modestia, la mia vista non penetrava i suoi recessi . Quell’opera è fatta per crescere con i piccoli; ma io disdegnavo di farmi piccolo  e per essere gonfio di boria mi credevo grande.

Clic per vedere traduzione  trlat_Confessiones_III149_97

Potrebbero interessarti anche...