trit_DeOfficiis_I_102_47

Non merita lode neppure, -se il fatto è vero -, quel nostro concittadino, sia egli Quinto Fabio Labeone o qualcun altro (io non ne so più che per sentito dire).  Il senato l’aveva mandato ai Nolani e ai Napoletani, come arbitro per una questione di confini.

trlat_DeOfficiis_I_102_27

Ne noster quidem probandus, si verum est Q. Fabium Labeonem seu quem alium – nihil enim habeo praeter auditum – arbitrum Nolanis et Neapolitanis de finibus a senatu datum.