trit_Instit_II_84_172

12. Dunque quando da alcuno furono prese fiere, bestie, uccelli, pesci e animali di tutti i generi che nascono nel mare, nell’aria e sulla terra, per diritto delle genti, immediatamente cominciarono a diventare proprietà di di chi li prese; poiché ciò che prima non appartiene ad alcuno, diventa proprietà per diritto naturale del primo occupante; né importa che alcuno prenda nel suo fondo o nell’ altrui le fiere, le bestie e gli uccelli. Se alcuno però entri nel fondo altrui per cacciare o uccellare, gli può benissimo essere proibita l’entrata dal padrone, ove questi l’abbia visto prima che vi entrasse. Qualunque cosa in tal modo tu abbia preso, è chiaro che è cosa tua, finché è in tua custodia. Ma quando sia sfuggito alla tua custodia, e ritorni alla libertà naturale, cessa d’esser tuo, e ritorna proprietà dell’occupante. S’intende che riacquista la libertà naturale, quando ti sia sfuggito dagli occhi, ovvero l’abbia sotto la tua vista, ma in tale maniera che sia difficile il riprenderlo.

Clic per vedere traduzione  trlat_Instit_II_84_125

Potrebbero interessarti anche...